Canederli: la ricetta originale da dove arriva? La leggenda narra che…

16Dic

Origine e leggenda della ricetta dei canederli: piatto della tradizione del Trentino Alto Adige.

I famosissimi canederli rappresentano uno dei piatti tipici della tradizione del Trentino e dell’Alto Adige. Conosciuti in tutta Italia, sono in grado di deliziare il palato di grandi e di piccini! 

Canederli ok, ma quali canederli?

leggenda-canederli

Di canederli ormai ne esistono in tutte le salse e con diversi ingredienti: con gli spinaci, erbette di montagna, speck, pancetta, rape e vengono serviti con fondute, al burro o in brodo e chi ne ha più ne metta! Dopotutto, la cucina è anche osare e provare, non trovi? E così, come tutte in le tradizioni importanti, l’origine dei canederli è antichissima, anzi è proprio leggendaria! E io sono qui proprio per raccontartela!

La leggenda sull’origine dei Canederli

La leggenda narra che un giorno un gruppo di terribili soldati germanici arrivarono in un piccolo villaggio di montagna, minacciando tutti i suoi abitanti di distruggere il paesino se non avessero subito ricevuto un piatto caldo da mangiare… All’epoca, mica si poteva scherzare eh!

Così una donna volenterosa ordinò alle sue giovani figlie di radunare tutto quello che disponevano nella loro piccola cantina. Quello che trovarono non era granchè: pane vecchio, qualche uova, erbette, un paio di cipolle, e un pezzetto di speck. Le figlie erano intimorite,ma… la donna non si spaventò e si imboccò le manica!

Così iniziò a cucinare quelli che sarebbero presto diventati i canederli… Prese il pane e lo tagliò a cubetti, quindi, unendo tutti gli ingredienti che le figlie erano state in grado di recuperare, creò un’unica pasta, formando delle piccole palle.

Per cucinarle le buttò nell’acqua bollente che aveva salato e dopo alcuni minuti… Le palle di pane erano pronte e così le servì ai soldati affamati.

La leggenda continua…

I soldati rimasero talmente soddisfatti e sazi che esclamarono: “Queste palle di pane stenderebbero anche l’uomo più arrabbiato del mondo”, fecero i complimenti la donna tant’è che decisero di ricompensarla con alcune monete d’oro!

Questa leggenda ci insegna che con piccole cose, si possono fare grandi cose e degli ingredienti di “scarto” si possono trasformare in una bellissima creazione!

Ora che hai scoperto la leggenda e l’origine dei canederli, prova a farli anche tu, segui la nostra ricetta dei canederli!